Home Chi siamo Consiglio Come contattarci FOTO Gallipoli

Isola di Sant'Andrea

Isola di Sant'Andrea

Isola di Sant'Andrea

Isola di Sant'Andrea

Isola di Sant'Andrea

Area naturale protetta

Isola di Sant'Andrea

Piatta e bassa, con i suoi 48 ha. è estesa più del doppio della città vecchia dalla quale dista circa un miglio marino; è alta due metri sul livello del mare, con un clima che si può definire mite nell'arco dell'anno.

Isola di Sant'Andrea

Dall'autunno alla primavera si concentrano le precipitazioni, i venti la flagellano in tutti i mesi dell'anno e influenzano la vegetazione; durante le mareggiate il mare raggiunge anche la parte centrale dell'isola e rende il terreno altamente salino, l'insolazione è altissima: tutto ciò crea una habitat terrestre particolarissimo con una varietà di flora che si nutre di salsedine e di fauna importante dal punto di vista ecologico tanto che l'isola di S.Andrea è stata inclusa tra le Aree naturali protette individuate dalla Legge regionale n° 19 del luglio 1997
Con l'antico nome messapico di Achotus compariva sulla carta del Regno di Napoli; nel 1591 il nome di S. Andrea le venne dato per una cappella dedicata al Santo.

Isola di Sant'Andrea

Alcune costruzioni del periodo bellico, il faro e una costruzione chiamata "stazzu" sono le uniche tracce dell'intervento umano; "stazzu" significa stazione delle barche ed in effetti i pescatori di sciabica adoperavano questa costruzione per ripararsi dal freddo o difendersi dal forte sole.

Isola di Sant'Andrea

Il faro è stato eretto nel 1866 e il "fanalista" viveva sull'isola con la moglie e i figli a cui una maestra gallipolina, accompagnata ogni giorno dai pescatori, impartiva quattro ore di lezione così come previsto dalla legge.

Isola di Sant'Andrea

Con il progresso non c'è stato più bisogno del guardiano del faro.
Nei secoli XV e XVI fu concesso ai Gallipolini di rifornirsi del sale che cristallizzava nelle conche del terreno per effetto dell'evaporazione; invece nel '900, sull'isola, vivevano anche i finanzieri che dovevano vigilare perché i pescatori gallipolini non raccogliessero il sale che adoperavano per uso domestico oppure se lo vendevano per guadagnare qualcosa.

Isola di Sant'Andrea

Per di pi¨ la materia prima, il carparo, pietra locale dura e compatta, non consentiva di dar vita a decori architettonici come, invece, permette la tenera pietra leccese.

Importante: L'ordinanza della Capitaneria di Porto vieta l'ormeggio e lo sbarco sull'Isola, sino all'adozione del regolamento del Parco Regionale che ne stabilirÓ le regole di fruizione.

Isola di Sant'Andrea

Gallipoli
» Dalle origini al Medioevo
» Il Rinascimento
» Dal Seicento all'Ottocento
» Il Novecento e i nostri giorni
» I Palazzi
» Isola di Sant'Andrea
» Arti marinaresche
» Natale a Gallipoli
» Pianta della città
» Numeri e Link utili
» Carnevale a Gallipoli
La Pro Loco
» L'Associazione
» STATUTO
» Organi sociali
» Come Contattarci
» FOTO
» Rassegna Stampa
» Convegno Nazionale Pro Loco d'Italia
Strutture e altre attività
» Alberghi - Agriturismi - Residence e Campeggi
» Case vacanze
» Bed and Breakfast
» Dove mangiare
» Stabilimenti balneari
» Tempo libero
» Agenzie viaggi
Servizi utili
» Area Camper e bungalow
» Escursioni varie

 

 

 

 

Home Chi siamo Consiglio Come contattarci Gallipoli
Associazione Turistico-Culturale
Pro Loco Gallipoli
Via Kennedy - 73014 Gallipoli (LE)
Tef./Fax 0833/263007
E-mail: gallipoli.proloco@gmail.com
*** Questo Sito Web NON utilizza Cookie ***
Realizzato da Japigia.com